farmacia-di-asso-rimedi-naturali
cosmetici-naturali-como


Alicamenti

Gli Alicamenti = Alimento + Medicamento

Perché possono servire gli alicamenti? I superfrutti sono integratori naturali? Come vengono prodotti gli alicamenti? Chi può mangiare i superfrutti per curarsi? Perché le bacche e la frutta migliora il tuo benessere?

Alicamento è la crasi di Alimento e Medicamento. Per capire cosa sia un alicamento analizziamo le definizioni delle parole da cui è formata questa strana parola:

Alimento: “qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato ad essere ingerito, o di cui si prevede ragionevolmente che possa essere ingerito, da esseri umani” (vedi Fonti a fine pagina), cioè, a parte le unghie, è tutto quello che mangiamo, sono tutti i cibi che consumiamo più volte al giorno.

Medicamento: è tutto ciò che usate per curarvi, tutte le pastiglie o gli sciroppi, o i rimedi naturali e omeopatici.

Superfrutto è spesso utilizzato come sinonimo di alicamento soprattutto on line. Personalmente preferisco il termine alicamento perché riesce a rendere meglio l’idea della ricchezza nutrizionale di questi cibi.

Quindi un alicamento è un “cibo che cura”!

“Come tutti i cibi” osserverete Voi sicuramente e giustamente, e come diceva Ippocrate. Alcuni trucchi per utilizzare il cibo come medicina li avete già letti in Alimentazione corretta: il carburante 2.0 del nostro corpo e in Biochimica facile da mettere in tavola e allora qual è la differenza tra la pasta o la pizza e l’alicamento?

Grazie alla loro ricca composizione sia qualitativa che quantitativa gli alicamenti nutrono al meglio il metabolismo basale del nostro corpo preservando uno stato di perfetto benessere e salute.

In questo articolo potrete scoprire:

  • Alicamenti: Perché ne Potresti Aver Bisogno?
  • Alicamenti: le 3 Parole d’Ordine
  • Alicamenti: Frutti Naturali al 100% da agricoltura biologica

Gli alicamenti DISPONIBILI nella Farmacia di Asso sono:

  • Bacche di Goji Xing Dal in confezioni da 200 g – 500g – 1000 g
  • Bacche di Alchechengi
  • Bacche di Cranberry
  • Canapa Sativa Farina
  • Canapa Sativa Semi
  • Canapa Sativa Olio
  • Coupaçu
  • Acerola
  • Açai

Alicamenti – Superfrutti: Perché ne Potresti Aver Bisogno?

Il nostro corpo assume energia dal cibo, o ancor meglio, smonta il cibo per procurarsi l’energia che ci serve per vivere. Se il bilancio energetico del nostro organismo fosse sempre in perfetto equilibrio, nessuno sarebbe mai malato e tutti starebbero bene.

I problemi arrivano quando il nostro corpo non ha sufficiente energia per far fronte agli stress quotidiani a cui noi lo sottoponiamo. Per esempio, se una persona in perfetta salute esce all’aperto in inverno con la neve il suo fisico si trova a dover combattere contro il freddo rispetto a se la stessa persona rimanesse a casa al calduccio o indossasse un capotto, sciarpa, guanti e cappello di lana. A questo punto possono accadere due eventi antitetici: o il corpo ha sufficiente energia per combattere il freddo oppure non ce l’ha e il temerario omino da neve si ammala perché non ha più energia sufficiente per combattere lo stress a cui è stato sottoposto.

Ovviamente anche i rifornimenti di energia cioè la corretta alimentazione e l’educazione alimentare sono importanti per garantire un apporto costante di nutrienti al fisico.

Spesso inoltre il nostro ritmo quotidiano di vita è molto veloce, non ci permette pause e periodi di relax e quindi le riserve di energia vengono costantemente depauperate.

A lungo andare lo stress, i radicali liberi, l’inquinamento, una dieta povera e non bilanciata, la fretta e le preoccupazioni quotidiane fanno ammalare il fisico. Per evitare che questo accada e per conservare il più a lungo possibile lo stato di miglior benessere gli alicamenti possono darVi un valido aiuto.

Alicamenti: le 3 Parole d’Ordine, ovvero come funzionano

  • NUTRIRE
  • REGOLARE
  • RIGENERARE

Gli alicamenti contengono tutti i nutrienti necessari affinché tutti i tessuti del nostro organismo abbiano a disposizione tutte le sostanze che permettano loro di “lavorare” al meglio delle loro possibilità. Se il terreno è ricco e la struttura è solida tutti i processi metabolici avverranno in perfetto equilibrio, sarebbe come una fabbrica in cui tutto funzionasse alla perfezione: non ci sarebbero squilibri tra i reparti, tutto quello che venisse prodotto sarebbe venduto senza fondi di magazzino o rotture di stock nel quantitativo della produzione, gli operai sarebbero sempre al top della produttività, i capi organizzerebbero tutto al meglio e se lo Stato … ok, penso che abbiate capito! Da sempre gli uomini hanno teorizzato “la società perfetta”, per esempio “L’Utopia” di Tommaso Moro … forse una società perfetta non esiterà mai, ma un corpo perfetto, inteso come completamente sano e in uno stato di perfetto benessere, sì! Se un salutare stile di vita non è sufficiente, come per esempio dormire 8 ore oppure mangiare con calma, per acquistare e preservare il benessere, gli alicamenti possono essere un valido aiuto.

È normale che per la loro attività h 24 e 7 giorni su 7 i tessuti del nostro corpo si impoveriscano e se non rigenerati in modo adeguato possano “rompersi”. Per mantenere sempre in perfetto stato tutti i tessuti del nostro corpo sono necessari i nutrienti giusti, quelli contenuti negli alicamenti!

Alicamenti: Bacche Naturali e Polvere di Frutta al 100% da Agricoltura Biologica

Le bacche in botanica sono i frutti delle piante, rappresentano quindi un concentrato di nutrienti che riassume sia la specie di pianta sia del terreno dove è cresciuta. Tutti i nutrienti contenuti nel frutto e nella bacca sono altamente biodisponibili, cioè l’organismo non ha alcun problema a digerirli, assorbirli, a trasportarli nel circolo sanguigno e a “consegnarli” al tessuto che ne ha bisogno. In molti integratori naturali gli stessi nutrienti (come per esempio i sali minerali o le vitamine) sono “impacchettati” negli eccipienti della compressa o del granulato delle buste. Per utilizzarli il nostro corpo ha bisogno di “scartarli” e, siccome è molto diligente, farà anche una perfetta raccolta differenziata dei contenitori (eccipienti) in cui si trova il principio attivo, queste attività, anche se poco pesanti, sono un lavoro ulteriore per il nostro organismo (che se stanco non ha sicuramente energia da sprecare) e quindi un dispendio di energia che può essere evitato semplicemente assumendo gli stessi nutrienti attraverso gli alicamenti.

Già solo masticando le bacche inizia la digestione dei principi nutritivi. L’alta digeribilità è il fattore fondamentale che permette che le vitamine, i sali minerali e gli oligoelementi racchiusi in ogni alicamento possano essere utilizzati in breve tempo da tutti i tessuti che ne hanno bisogno. In “Farmacistese” ( leggi il Dizionario Italiano – Farmacistese ) questo ottima distribuzione della merce è definita alta biodisponibilità.

In ogni confezione di alicamenti troverete solo ed esclusivamente cioè che la Natura ci ha offerto, né una molecola in più, né una molecola in meno, nessun additivo né conservante chimico. La qualità degli alicamenti – superfrutti nasce dai terreni autoctoni sui quali la pianta è nata, continua con le modalità di coltivazione e di raccolta altamente biologiche e tutta questa naturale ricchezza è conservata il confezionamento che viene fatto a poche ore dalla raccolta e in modo da non alterare in alcun modo le caratteristiche del frutto.

La composizione del terreno sul quale nasce una pianta è fondamentale per le percentuali di nutrienti contenute nei frutti e nelle bacche; inoltre anche il clima, l’acqua, il sole e l’ambiente sono fondamentali per la ricchezza e la qualità dell’intera pianta e quindi anche di tutto ciò che produce (frutti e bacche). Purtroppo i terreni italiani non permettono la crescita ottimale delle piante che ci forniscono gli alicamenti, per questo motivo i frutti arrivano da noi da Paesi lontani come per esempio dalla Mongolia, dalla Colombia o dal Canada o dal Brasile (Per fortuna i terreni italiani danno altri buoni frutti come per esempio l’uva, le olive o le cipolle di Tropea). Si potrebbero raccogliere i frutti ancora acerbi e farli maturare in viaggio, ma perderebbero i loro preziosi nutrienti. Per risolvere questo problema le bacche e i frutti vengono raccolte allo stato della loro perfetta maturazione e fatte essiccare naturalmente e lavorati sul posto (come i missoltini) per 40 ore senza mai superare temperature elevate. La cura nell’essicazione del prodotto permette di mantenere inalterati i valori nutrizionali assoluti di vitamine e oligoelementi.

Le bacche, una volta essiccate, vengono confezionate in sacchetti termici e richiudibili ermeticamente che le conservano al meglio anche durante il trasporto. Il frutto invece (Acerola, Açai, Coupaçou) viene lavorato direttamente poco lontano da dove è stato raccolto e polverizzato, questo processo permette di mantenere nella polvere tutti i nutrienti inalterati. Il sacchetto protegge il suo contenuto inoltre dai raggi UV della luce che promuoverebbero reazioni di ossidoriduzione che impoverirebbero e altererebbero il prodotto (per lo stesso motivo è consigliabile conservare molti prodotti in contenitori scuri e al riparo dalla luce). La confezione permette inoltre di mantenere il corretto livello di umidità. Mantenere la migliore umidità è un altro “trucco di conservazione” che permette di non perdere la morbidezza e la palatabilità (gusto, praticamente i sacchetti fanno rimanere ottimi i prodotti) delle bacche e di conservare al meglio la polvere di frutta e i semi.

Tutte le colture degli alicamenti rientrano nelle rigide regole che prevede l’ agricoltura biologica, per esempio assenza di pesticidi, conservanti e coloranti. Tutti gli alicamenti sono sottoposti inoltre ad analisi di laboratorio ECOCERT che , dopo aver verificato l’assenza di componenti chimici, ne certifica la garanzia. In questo modo ai consumatori è garantita la massima qualità del prodotto.

Gli alicamenti e tutti gli integratori naturali non sostituiscono nè i farmaci e le medicine prescritte dal Vostro medico, né una regime alimentare sano ed equilibrato, né un corretto stile di vita.

Fonti:
– Definizione di Alimento, art n.2 Regolamento CE del 28 Gennaio 2002: leggi il documento

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest